HomeUltime NewsFiere e AsteTutte le incredibili rarità di Artcurial - Parte 1/2

Tutte le incredibili rarità di Artcurial – Parte 1/2

Se i giochi di Parigi si sono aperti in modo spumeggiante il 5 febbraio con le auto d’epoca di RM Sotheby’s e sono proseguiti il 6 febbraio con altre meravigliose “pietanze” con Bonhams, il 7 febbraio rappresenta il grande spettacolo pirotecnico internazionale con l’asta di Artcurial che si tiene direttamente all’interno della fiera Retromobile, a partire dal primissimo pomeriggio, ovvero alle 14. Saranno battuti in un pomeriggio ben 167 rarità.

La più Avvincente

Per certi versi, l’asta di Artcurial è sicuramente la più avvincente per come viene condotta dai battitori, un vero spettacolo nello spettacolo, e poi ha generalmente i pezzi più stravaganti e introvabili sul mercato. Per questo, raccoglie migliaia di visitatori in sala, che in molti casi sono fortunatamente anche acquirenti.

Veicoli particolari e… stravaganti

Quest’anno, tra i “mezzi” più stravaganti, si segnalano particolari imbarcazioni e un mezzo anfibio a 4 ruote motrici Tag Croco, una vera rarità e primizia che capita in vendita “ogni morte di papa”, perché ne sono rimasti pochissimi e hanno la storia e il prestigio (quasi) di un pezzo… da Formula 1. Vediamo però ora, fra i primi 88 lotti, quelli che porteremmo volentieri a casa, considerando che nella giornata del 7 febbraio saranno battute eccezionali auto, moto e imbarcazioni d’epoca, mentre in quella dell’8 febbraio le cosiddette “automobilia”, ovvero tutto ciò che riguarda il mondo dell’auto e del trasporto più in generale.

Lotto 2 – BMW R12 Side-Car – stima 25000-45000 euro No Reserve

Il 14 febbraio 1935, BMW presentò due nuovi modelli, la R12 e la R17, che successero alla BMW R11. Queste due moto da 750 cm3 erano caratterizzate da forcelle telescopiche idrauliche che hanno reso BMW il primo produttore ad adottare questo tipo di sospensione (ma la R12 e la R17 hanno mantenuto il loro telaio rigido a doppia culla in lamiera stampata, vale a dire privo di sospensione posteriore!). La R12 era equipaggiata con un boxer da 750 cc a valvole laterali, raffreddato ad aria, disponibile in due versioni: un modello Sum mono carburatore, che sviluppava 18 CV a 3.400 giri/min e un modello con due carburatori Amal , che sviluppava 20 CV a 4.000 giri/min. La versione con due carburatori utilizzava un’accensione a batteria e bobina, mentre il carburatore singolo R12 utilizzava un’accensione a magnete, in grado di funzionare indipendentemente dalla batteria. Dal 1938, l’intera produzione della R12 fu destinata all’esercito tedesco. La R12 con semplice carburatore era affidabile e, anche se mancava un po ‘di potenza, passava, con le sue due ruote motrici, ovunque. La R12 divenne il veicolo di riferimento militare fino alla comparsa della R75 nel 1942. L’esemplare qui presentato è stato restaurato alla fine degli anni ’90 e importato in Italia nei primi 2000. Nel 2003 fu registrato con l’ASI italiano come veicolo di interesse storico. La carta di circolazione italiana corrisponde a una moto equipaggiata con un sidecar da un posto.

Lotto 5 – BMW R75 Side-Car – stima 50000-70000 euro No Reserve

Già nel 1937, l’esercito tedesco ordinò lo studio di un sidecar da 750 cc da BMW e Zündapp. Questi veicoli dovevano soddisfare le specifiche che richiedevano un carico utile di 500 kg, mantenendo un’altezza da terra di 150 mm, una velocità di crociera di 80 km/h con 3 persone a bordo, un’autonomia di 350 km. Ciò diede alla luce due dei veicoli più famosi della Seconda Guerra Mondiale, ovviamente insieme con la Jeep Willys! Nella sua versione finale, la BMW R75 sviluppava 26 CV a 4.000 giri/min ed era equipaggiata con una retromarcia. Progettata per funzionare sia nella sabbia del deserto che nella steppa russa, la BMW R75 ha condiviso molte parti con la Zündapp KS 750. La produzione della R75 iniziò nel giugno del 1941 e un totale di oltre 18000 esemplari furono prodotti nella fabbrica di Eisenach fino alla fine del conflitto. L’esemplare qui presentao è in buone condizioni dopo un vecchio restauro probabilmente eseguito in Germania. Presenta elementi estremamente rari, come il sistema di riscaldamento che circonda il manubrio, che ricorda i veicoli equipaggiati per la campagna russa. È stato registrato storico italiano presso l’ASI nel 2006 e ha i suoi libretti.

Lotto 15 – Talbot Lago Sport 2500 – stima 140000-180000 euro

Secondo il foglio informativo di fabbrica in possesso, l’auto qui presentata fu consegnata nuova il 9 novembre 1955 al signor Robillard. Il colore della scocca è descritto come nero, combinato con i rivestimenti in vinile Havana 261. Solo due copie sono state consegnate nuove in questo sobrio colore della carrozzeria. Fu immatricolata a Parigi il 7 novembre 1955, con il numero 8997 EL 75. Questa registrazione consente di identificare l’auto tra sei esemplari raccolti da Anthony Lago sul circuito di Monthléry durante una giornata di test con i clienti, davanti alla stampa e alle personalità del mondo automobilistico. La sua vecchia scheda di registrazione conferma che è poi passata di mano nel 1963, a favore di un giovane appassionato parigino il cui fratello possedeva anche una T14. A seguito di una collisione, fu costretto a rivenderla perché temeva che potesse accadere un altro incidente più grave. Da allora è stata usata scrupolosamente, prima di farla riposare per altri 25 anni: i 46509 km sono originali. Ogni anno, fino al 2017, l’auto è stata riavviata. Il sistema di raffreddamento, un punto debole di questo modello, era stato modificato con una ventola elettrica, ma le parti originali, così come i paraurti smontati, accompagnano la macchina. In condizioni originali rigorose, ad eccezione della vernice, rifatta in Francia blu nel 1964, questa superba coupé mostra un eccezionale stato di conservazione.

Lotto 23 – Panhard et Levassor CS Spécial (X73) Berline Parisienne – stima 20000-30000 euro No Reserve

Commercializzato dal 1934 al 1938, la Panhard Panoramique ha portato numerose innovazioni tecniche. Una delle sue peculiarità erano i vetri angolari su entrambi i lati del parabrezza, che eliminavano i punti ciechi. Questo modello era disponibile con diversi motori, tutti senza valvole (licenza Knight). La X73, da parte sua, aveva il motore più grande della gamma, cun 2861 cc da 80 CV. L’esemplare presentato sarebbe stato consegnato a Madame T. nel marzo 1936 con diversi dettagli specifici, come la carrozzeria in due tonalità di rosso, ruote forate, due sedili anteriori indipendenti e paraurti anteriori e posteriori opzionali. Venne poi registrata nel sud della Francia nel 1955, poi rivenduta nel 1977. Fu durante un’asta nel 2008 che il collezionista la acquistò, sensibile alle sue condizioni d’origine e il suo colore insolito. Da allora è rimasta nello stato originale: solo il motore, che è quello originale, era stato avviato dieci anni fa e non è bloccato. Più recentemente, sono stati montati quattro nuovi pneumatici Michelin Superconfort. Il bellissimo cruscotto è completo ad eccezione dell’orologio. Questa automobile originale e ben conservata merita un bellissimo restauro che metterà in evidenza le sue specificità tecniche ed estetiche.

Lotto 24 – Simca 8 Sport Cabriolet – stima 40000-60000 euro No Reserve

È grazie a Battista Farina che le versioni Sport Coupé e Cabriolet basate sulla SIMCA 8 incontreranno l’entusiasmo del pubblico, durante il Salone di Parigi del 1948. L’esemplare qui presentato è eccezionale perché ha avuto due soli proprietari: il primo è il rivenditore SIMCA a Chalon-sur-Saône, che lo ha ceduto poi al nipote nel 1984. Sedotto dal suo particolare stato di conservazione e in memoria dei Dinky Toys che aveva da giovane, l’attuale collezionista quindi l’ha successivamente acquisita. Da allora la vettura ha conservato la sua originale vernice nera e gli interni in pelle beige che meriterebbero un po’ di attenzione. Tra i lavori eseguiti, la sostituzione del serbatoio, degli ammortizzatori posteriori e il cuscinetto di rilascio della frizione. Questa vettura ha partecipato a numerosi Rally. Un’automobile dal design che piace e dalla meccanica affidabile.

Lotto 31 – Amphicar – stima 55000-75000 euro No Reserve

“Amphicar – L’auto sportiva che naviga!”: così proclamò una pubblicità di inizio anni ’60 … Questa simpatica automobile, fabbricata in Germania, è un raro veicolo anfibio. Era alimentato da un motore Triumph da 1147 cc che gli consentiva di raggiungere 125 km/h su strada e 8 nodi in acqua. L’esemplare presentato è stato acquistato nel 2000 dall’attuale proprietario, amatore e collezionista di auto speciali. Dopo averlo usato per alcuni anni, ha deciso di eseguire un completo restauro tra il 2012 e il 2014. La carrozzeria è stata così completamente rifatta a regola dell’arte. Il rivestimento in similpelle, il cofano, l’impianto elettrico e la meccanica sono stati restaurati.

Lotto 36 – DB HBR4 “The Monster” – stima 140000-180000 euro

Ultra leggera ed efficiente, la DB rivela una grande agilità nelle competizioni: resistenza, gare in collina e rally. Qui si può approfondire tutta la sua storia sportiva. L’auto è stata modificata secondo le direttive della carrozzeria Chalmette, con sede a Grenoble. Per esempio il padiglione è stato abbassato di circa 12 cm. Ancora in configurazione 24 Ore di Le Mans del 1961, l’auto dimostra un raro livello di autenticità. Il motore è ancora quello di fabbrica. Dopo un vecchio restauro, “The Monster” rappresenta ancora oggi un pezzo eccezionale. Sarà accompagnato da un cambio a rapporto lungo e un collettore di aspirazione con 2 carburatori a doppio corpo. Ideale per la Le Mans Classic e per l’Automobile Tour de France, il peso piuma e le prestazioni eccezionali sono il suo asso nella manica.

Lotto 44 – CA 1898 Benz Velociped Confortevole – stima 160000-260000 euro

Commercializzata a partire dal 1894, la Benz “Velociped” è una pietra miliare nella storia dell’automobile, poiché è la prima ad essere stata costruita in serie. A partire dal 1898, venne proposta una versione “Confortevole” che consentiva di trasportare quattro persone. Il motore monocilindrico Benz erogava 3,5 CV. L’esemplare qui presentato, il noto “Confortevole”, è stato consegnato nuovo a Parigi. La sua storia è interessantissima e si può leggere qui. È sempre stata funzionante e si presenta in un eccezionale stato di conservazione. Il motore Benz originale ha il numero 788. L’accensione e il carburatore sono stati modernizzati per un uso più semplice. Il rivestimento, ad eccezione dei sedili, è l’originale. La vettura costituisce un degno rappresentante di un marchio ancora vivo e particolarmente ricercato dai collezionisti.

Lotto 45 – Mercedes-Benz 710 SS 27/140/200HP Fernandez & Darrin – stima 6000000-8000000 euro

Questa rara Mercedes 710 SS è uno dei modelli più prestigiosi mai prodotti dalla casa tedesca. Qui si può consultare tutta la sua storia. La certificazione Mercedes-Benz Klassik conferma che si tratta effettivamente di una Mercedes 710 SS e che tutti i suoi componenti corrispondono a quelli di una SS. Il motore è stato completamente restaurato nel 2016/2017 e da allora ha percorso solo una cinquantina di chilometri. Numerosi test hanno permesso di notare l’impeccabile funzionamento della meccanica. Questa vettura è uno dei modelli più straordinari prodotti dal marchio, un’autentica Mercedes 710 SS (tipo W06). Il suo motore a 6 cilindri in linea aveva una cilindrata di 7.065 cc e sviluppava 140 CV a 3.200 giri/min, potenza che aumentò a 200 CV una volta avviato il compressore. Questo gli ha permesso di avvicinarsi a 200 km/h, un privilegio riservato ad alcune rare auto sportive. La vettura ha ai più bei Concours d’Elégance e ha attraversato i passi alpini con impensabile agilità. Prodotta in 111 esemplari, oggi ne rimangono pochissimi. La partecipazione all’asta per questo lotto è soggetta a una specifica procedura di registrazione.

Lotto 57 – Citroen DS 19 Cabriolet Usine – stima 70000-100000 euro No Reserve

Raro esempio di DS convertibile non restaurato. Trovata in un fienile nel 2017, è stata acquistata alla fiera Rétromobile durante l’asta di Artcurial Motorcars dal suo attuale proprietario, collezionista selettivo di Citroën, entusiasta delle condizioni originali. Messa in circolazione il 30 aprile 1965 per conto di una società della Somme, questa convertibile è una delle ultime versioni “di fabbrica” ​​della sua serie. Successivamente fu di proprietà, a partire dal 1968, di un idraulico normanno. Fu quest’ultimo che, a seguito di un impatto posteriore avvenuto negli anni ’70, rimise l’auto in un fienile con l’intenzione di ripristinarla. Ma ciò non è avvenuto. Oggi deve beneficiare di un restauro totale, che gli permetterà di ritrovare la sua elegante livrea grigio scuro con interni in pelle rossa. Il suo rivestimento è rimasto in un bellissimo stato patinato e può essere perfettamente conservato dopo un’accurata pulizia. Questa bellissima cabrio è dotata del raro cambio idraulico e mostra 78487 km. Proveniente dalla Svizzera, verrà rilasciato con la sua vecchia carta di registrazione francese, mentre dazi e tasse nel paese di destinazione saranno a carico dell’acquirente. 

Lotto 88 – Tag Croco Anfibio 4×4 – stima 25000-45000 euro No Reserve

Lo straordinario Croco (“CROss-COuntry”) è stato progettato da CroCo AG di Kagiswil, una società svizzera che appartenente al gruppo TAG, nota soprattutto per le sue performance in Formula 1 con i team Williams e McLaren, in particolare. Progettato per i luoghi di difficile accesso per i tradizionali 4×4, ha eccezionali capacità in fuoristrada e per quanto riguarda il guado. Consiste di due parti articolate al centro, quattro ruote motrici e sterzanti, il tutto alimentato da un motore a pistone rotante Wankel NSU, leggero, compatto e affidabile. I pneumatici di grandi dimensioni offrono anch’essi capacità di galleggiamento per attraversamenti d’acqua e la qualità di produzione è conforme agli standard svizzeri. Questo Croco può trasportare sei persone e si è dimostrato valido negli ambienti più ostili. È stato solo prodotto in poco più di 60 esemplari.
Acquistato nuovo in Francia, questo Croco fu consegnato al Corpo Forestale nel nord Italia, come dimostrano la sua tonalità verde e bianca e le relative scritte. Il Corpo Forestale ha confermato il suo chilometraggio straordinariamente basso (135 km da nuovo, circa 35 ore di funzionamento dall’inizio), il che spiega le sue condizioni incredibilmente ben conservate, come le gomme marchiate Croco 1983 e la capote, che oggi non si trova più. Immatricolabile per l’uso su strada in Europa, grazie anche alla presenza di luci e cinture di sicurezza omologate europee, la meccanica è stata rivista. Infine l’auto è persino accompagnata da pagaie e giubbotti di salvataggio. Robusto e sorprendente, questo raro Croco può attrarre gli appassionati di veicoli ultra rari.

Leggi anche




Più letti

Fiat Panda 4×4 prima serie: la...

La Panda 4x4 prima serie è un’utilitaria e una fuoristrada che sa fare molto bene il suo dovere, quello di arrampicarsi sui terreni più...

Immatricolazione auto storica… qualche consiglio per...

In un contesto che è sempre meno nazionale e più internazionale, può capitare facilmente ormai acquistare (o vendere) un'auto oltre confine. Ecco tutto quello...

Steyr Puch Haflinger: bisogna per forza...

Della storia del piccolo veicolo fuoristrada austriaco prodotto a Graz sono state scritte pagine e pagine, rintracciabili un po' su tutto il web. Ma...

Steyr Puch Pinzgauer: che bello acquistarne...

Lo Steyr Puch Pinzgauer, disponibile a 4 o a 6 ruote motrici, è senz'altro un veicolo storico dalle capacità fuoristrada estreme, anche grazie alla...

Technorama Ulm 2022: di interessante c’era…

Technorama Ulm è sempre una bella fiera da vedere, soprattutto per chi voglia mettere insieme un'auto in restauro o chi cerca qualcosa di nuovo...