HomeFiere e AsteAsteUna Citroen 2CV 4x4 Sahara da urlo in asta da Aguttes

Una Citroen 2CV 4×4 Sahara da urlo in asta da Aguttes

Un’auto come questa non capita tutti i giorni. Si tratta di una rara Citroen 2CV 4×4 Sahara bimotore che in asta da Aguttes viene descritta come mai restaurata e con appena 28.000 km da nuova. La stima è tra 60.000 e 100.000 euro, ma da un’auto di questo tipo ci si può aspettare qualsiasi risultato. Verrà battuta domenica 27 Marzo a partire dalle 15. Andrebbe comprata assolutamente e, oseremmo aggiungere, a qualsiasi costo, assolutamente non reimmatricolarla e tenerla così, magari solo avviarla. Vediamo cosa si legge nella descrizione.

Secondo una leggenda affermata, Pierre-Jules Boulanger, presidente di Citroën, avrebbe lanciato il programma 2 CV con questa formula “quattro ruote sotto l’ombrello”. Studiata fin dal 1937, la TPV (Very small car) non verrà presentata fino al 1948, dopo una lunga gestazione per gli anni della guerra. 

Spinte da un motore da 375 cc, le prime 2 CV erano deboli ma nascondevano idee pratiche all’origine della loro eccezionale versatilità. Nata rustico, diventa rapidamente borghese. Grazie alle sue attrazioni, ha conquistato una nuova clientela più urbana ed è diventata soprattutto la preferita dei giovani. 

A metà degli anni ’50 le fu dato un 425 cc che le permetteva di correre a un ritmo decente. Citroën ne ha poi curato l’aspetto e l’ha arricchita con un cofano più moderno oltre a tappezzerie scozzesi e nuovi colori. Questo è solo l’inizio di un’evoluzione, che si estenderà fino al 1990, consacrata da 5 milioni di esemplari prodotti. 

Nel 1957 un industriale normanno alla ricerca di un fuoristrada leggero mise gli occhi sulla 2 CV, che dotò di un secondo motore posteriore, ottenendo così la trazione integrale. Citroën si interessò quindi a questo prototipo e ne migliorò il design per produrlo in piccole serie. 

Questa creazione sarà considerata come una macchina in grado di muoversi nel deserto del Sahara dove la ricerca e lo sfruttamento dei giacimenti petroliferi sono in piena espansione. La sua trasmissione 4×4 aggiunge capacità di incrocio inaspettate alle qualità iniziali dell’auto. 

Questa Sahara 2 CV è dotata di due motori da 425 cc che sviluppano una potenza complessiva di 26 CV. È riconoscibile per le griglie di ventilazione sul pannello laterale, i parafanghi posteriori dentellati, il bagagliaio posteriore stampato o anche grazie alla ruota di scorta sul cofano e alle bocchette del carburante nelle portiere

Alla fine, tra il 1960 e il 1967 della piccola avventuriera furono prodotti solo 694 esemplari. All’origine dell’auto qui presentata, c’è innanzitutto una storia di amicizia tra due uomini appassionati di pesca. Il Sig. Ribier che fu uno dei fondatori della Compagnie Française des Ferrailles e il Sig. Mouret meccanico con sede a Mauriac nel Cantal. Non appena il signor Ribier ne ha avuto l’opportunità, è tornato nel suo nativo Cantal per partecipare a gioiose battute di pesca circondato dai suoi amici. I fiumi pescosi non essendo facilmente accessibili, l’auto che trainava la sua barca si bloccava regolarmente.

La sua scelta è caduta su un Sahara da 2 CV che, grazie alle sue capacità di attraversamento, gli permetterà di affrontare qualsiasi tipo di terreno. Questa vettura è stata immatricolata l’8 aprile 1965 a Cantal. Per l’occasione il Sig. Ribier ha acquistato anche una barca Rocca nuova, con la sua imbracatura all’avanguardia, per potersi avvicinare il più possibile al pesce, che doveva solo stare attento. 

Quando il Sig. Ribier morì nel 1976, la sua vedova vendette la 2 CV al Sig. Mouret che continuò ad usarlo per qualche altro anno prima di riporlo fino ad oggi. 

Durante la visita è stata scoperta sotto uno spesso strato di polvere un’auto nelle sue condizioni originali, che non è mai stata restaurata. Porta alcune cicatrici del suo uso fuori dai sentieri battuti che ora fanno parte della sua storia. Il suo contachilometri segna 28.137 km, che corrisponde al suo chilometraggio originale

Poiché i motori non sono bloccati, il riavvio non dovrebbe essere un problema. Questa vettura è eccezionale per la sua storia e il suo stato di conservazione, il che la rende sicuramente una delle 2 CV Sahara più ambite tra i pochi sopravvissuti.

Leggi anche




Più letti

Fiat Panda 4×4 prima serie: la...

La Panda 4x4 prima serie è un’utilitaria e una fuoristrada che sa fare molto bene il suo dovere, quello di arrampicarsi sui terreni più...

Immatricolazione auto storica… qualche consiglio per...

In un contesto che è sempre meno nazionale e più internazionale, può capitare facilmente ormai acquistare (o vendere) un'auto oltre confine. Ecco tutto quello...

Steyr Puch Haflinger: bisogna per forza...

Della storia del piccolo veicolo fuoristrada austriaco prodotto a Graz sono state scritte pagine e pagine, rintracciabili un po' su tutto il web. Ma...

Fiere internazionali auto d’epoca 2022: gli...

Anche il 2021 sta per volgere al termine. Signori, il 2021... Nel bel mezzo dell'inizio di un millennio in cui si credeva che le...

Volkswagen Maggiolino e derivati, mon amour

Le Volkswagen Maggiolino, naturalmente quelle non troppo in stato di rottame, continuano a segnare risultati di vendita sempre importanti. Perché piacciono, soprattutto in stato...