HomeGuide PraticheLloyd LT 600: qualcosa di piacevolmente diverso

Lloyd LT 600: qualcosa di piacevolmente diverso

Lloyd LT 600: non è facile trovarne, ma una volta individuato quello giusto, conviene non farselo scappare. Soprattutto se l’esemplare di VAN di fine anni ’50/inizio anni ’60 è ancora in condizioni di prima vernice (seppur rovinata), come è il caso di questo esemplare trovato in vendita sul sito lesanciennes.com.

Il Lloyd LT 600 è un compatto Van che rientra in pieno diritto a far par parte delle microcar. Va comprato innanzi tutto per il suo aspetto veramente originale e simpatico che lo rende unico nel panorama dei VAN di piccola taglia, come lo è per esempio l’Honda TN 360 (successivo) o il più grande DKW Schnellaster.

Il piccolo motore da 0,6 litri (0,5 litri in precedenza a 2 tempi) è il più richiesto perché è a 4 tempi, ma comunque non si creda di viaggiare a più di 50/60 km/h come velocità di crociera.

Esiste a passo lungo e corto e se ben tenuto può spuntare anche quotazioni di riguardo superiori ai 35.000 euro. Insomma, se il prezzo c’è, conviene prenderlo. Secondo noi, questo inserzionato nell’annuncio è un po’ caro, il suo valore nello stato come si presenta in foto è di 8/9.000 euro.

Vediamo cosa dice l’annuncio:

Lloyd LT 600, non il 500 a 2 tempi (come giustamente precisato). Il motore a quattro tempi beneficia, a detta del venditore, di un nuovo albero motore, bielle e pistoni, oltre alla frizione rinnovata. Anche la pompa freni è nuova (ricambio originale). Le gomme hanno 0 km.


Gli interni originali richiedono una pulizia accurata. La carcassa della ruota di scorta è annerita dal contatto con il pneumatico. La ruota di scorta è all’interno.


Tutti i rivestimenti delle portiere sono anch’essi da pulire, ma in ottime condizioni originali. I legni con cui è costituita parte della carrozzeria sono in ottime condizioni, non “mangiati” alla base. 

Il pianale è caratterizzato solo da ruggine superficiale, naturale in un veicolo così anziano. La vernice è originale, di qualità forse basilare all’epoca, con tracce di ossidazione superficiale. A meno che non si disponga di un carrozziere veramente bravo, conviene non riverniciarlo, ma solo pulirlo approfonditamente iniziando con il Pulivapor.

Nessun incidente. Le modanature decorative di cintura in alluminio sono nuove. Il serbatoio è stato smontato e trattato.
Sono presenti i due sedili anteriori e un divanetto posteriore. Infine, non è menzionato, ma è presente in foto, il desiderabile portapacchi da tetto (in caso accertarsi della presenza).


Leggi anche




Più letti

Fiat Panda 4×4 prima serie: la...

La Panda 4x4 prima serie è un’utilitaria e una fuoristrada che sa fare molto bene il suo dovere, quello di arrampicarsi sui terreni più...

Immatricolazione auto storica… qualche consiglio per...

In un contesto che è sempre meno nazionale e più internazionale, può capitare facilmente ormai acquistare (o vendere) un'auto oltre confine. Ecco tutto quello...

Steyr Puch Haflinger: bisogna per forza...

Della storia del piccolo veicolo fuoristrada austriaco prodotto a Graz sono state scritte pagine e pagine, rintracciabili un po' su tutto il web. Ma...

Fiere internazionali auto d’epoca 2022: gli...

Anche il 2021 sta per volgere al termine. Signori, il 2021... Nel bel mezzo dell'inizio di un millennio in cui si credeva che le...

Volkswagen Maggiolino e derivati, mon amour

Le Volkswagen Maggiolino, naturalmente quelle non troppo in stato di rottame, continuano a segnare risultati di vendita sempre importanti. Perché piacciono, soprattutto in stato...