HomeUltime NewsFiere e AsteInterclassics Maastricht 2020: le "classiche" da non perdersi all'asta Coys

Interclassics Maastricht 2020: le “classiche” da non perdersi all’asta Coys

Dal prossimo 16 al 19 gennaio 2020, si tiene nella città di Maastricht un’importante fiera di auto d’epoca, che come ogni anno è in grado di soddisfare i palati più raffinati. Raggiungere la città di Maastricht è abbastanza comodo e conveniente dall’Italia. Basta prenotare un volo alla portata di tutti verso Colonia e lì noleggiare un’auto per recarsi a Maastricht. All’interno della fiera, venerdì 17 e sabato 18 gennaio si terrà la “storica” asta di auto storiche da parte della Casa d’aste Coys, che si possono ammirare già il 16 gennaio e la mattina del 17 e del 18, per valutare l’eventuale acquisto di uno o più modelli.

Lotto 101 – Opel Manta GSI – stima 16000-20000 euro

Quest’anno il parterre inizia subito bello caldo, con il lotto 101, una sportivissima Opel Manta GSI, stimata da 16000 a 20000 euro. Niente male, almeno sulla carta. La Manta Serie A è stata lanciata nel settembre 1970, due mesi prima della nuova Opel Ascona. Concorrente della Ford Capri, si tratta di una filante coupé contraddistinta dai fari posteriori rotondi, abbastanza simili a quelli sulla Opel GT e che poi in effetti furono usati sulla GT nel 1973. Prese il nome, e alcuni spunti di stile dalla concept car Manta Ray, che influenzò anche la Chevrolet Corvette C3 del 1968. La Manta era normalmente equipaggiata con motore da 1,6 o 1,9 litri, sebbene in Europa fosse offerto anche un piccolo motore da 1,2 litri. Il cambio poteva essere manuale a 4 velocità o un TH-180 automatico a 3 velocità opzionale. Conosciuta come una delle auto più maneggevoli della sua categoria, vinse un gran numero di raduni in Europa e negli Stati Uniti. L’esempio mostrato qui è un modello GSi successivo della serie C, in una combinazione di colori bianco con strisce gialle e interno in velluto grigio. Questa Manta è descritta come molto originale.

Lotto 105 – Datsun 240Z – stima 18000-20000 euro

Un altro lotto molto interessante è il numero 105, ovvero la Datsun 240Z che conteneva tutti i requisiti dei conducenti sportivi, soddisfacendo allo stesso tempo i loro desideri di stile, potenza e sicurezza, fornendo loro una guida elettrizzante e divertente. La potenza è di 151 CV e la maggior parte della coppia è già disponibile a soli 4.400 giri/min. Dalla più affermata stampa di settore viene definita come “Un’auto brillantemente concepita e paragonabile a vetture del calibro di Big Healey, MGC, Lotus Elan, Porsches e Corvette di quegli anni”. L’accelerazione da 0 a 100 orari avviene in 8 secondi circa. I rapporti del cambio sono 5 ben distanziati e concepiti per sfruttare al massimo la coppia del motore. Sebbene Datsun non abbia inventato il motore a camme in testa, i freni a disco o le sospensioni indipendenti, la 240Z incorpora tutti questi sistemi in un’auto ben pensata. Non sorprende quindi che, per molti anni, la Datsun 240Z abbia rappresentato l’auto sportiva di maggior successo di tutti i tempi. In particolare, il modello qui presentato è stato consegnato nuovo al suo primo proprietario negli Stati Uniti e l’abbinamento cromatico esterno marrone scuro ben si lega con gli interni in pelle marrone chiaro. Queste auto giapponesi di culto stanno diventando sempre più difficili da trovare, specialmente in abbinamenti cromatici particolari, quindi conviene prenderla in considerazione.

Lotto 106 – Volkswagen Beetle/Maggiolino “Due vetrini” – stima 25000-30000 euro

Il Maggiolino della Volkswagen – ufficialmente conosciuto come Volkswagen Tipo 1 – nasce come auto economica a due porte, a quattro posti, a motore posteriore prodotta e commercializzata dalla Volkswagen dal 1938 al 2003, ed è tra le prime auto a motore posteriore. La necessità di questo tipo di auto, e i suoi obiettivi funzionali, furono formulati dal Terzo Reich in Germania: si desiderava un’auto economica e semplice che potesse essere prodotta in serie per la nuova rete stradale del paese. Con oltre 21 milioni di esemplari prodotti, il Maggiolino è l’auto più longeva e più prodotta di tutti i tempi e in tutto il mondo. Durante gli anni ’50, la vettura fu progressivamente modificata, con evidenti cambiamenti visivi tra cui i finestrini posteriori: nel marzo del 1953, il finestrino posteriore ovale in due pezzi fu sostituito da un lunotto realizzato in un unico pezzo. Il modello qui in asta non sembra avere tutti i particolari al posto giusto, ma è pur sempre un “Due vetrini”. Da quanto si apprende non è sfortunatamente un esemplare conservato, ma pare sia stato riportato a uno standard molto elevato. Rifinito in nero con un interno in tessuto beige, ben si presenta sia dentro, sia fuori. La stima di 25000-30000 euro potrebbe catturare molto interesse tra gli acquirenti.

Lotto 109 – Mercedes G 55 AMG – Stima 50000-55000 euro

La parola tedesca Gelandewagen significa “fuoristrada”. La G-Wagen è quindi un nome appropriato per il SUV di lusso a quattro ruote motrici prodotto da Magna Steyr in Austria e venduto da Mercedes-Benz. L’aspetto potente di questo impressionante G-Wagen è supportato da 499 CV di potenza. Oltre al lussuoso e alto livello di equipaggiamento standard con cui questa vettura è stata consegnata, una fattura presente nel file mostra una serie di miglioramenti Brabus che solo loro ammontano a 41.000 €. Questi includono la conversione della carrozzeria Widestar e finiture interne in pelle pregiata che hanno creato un’auto con un aspetto sensazionale. Offerta in asta con un libretto di servizio completamente timbrato, varie fatture e ricevute, un documento di registrazione V5C e un nuovo certificato di collaudo MoT, questo G-Wagen superbamente equipaggiato è disponibile a un costo davvero competitivo. Immatricolata in Olanda, è praticamente la fuoristrada per eccellenza, che in questa configurazione permette di stracciare molte sportive anche su asfalto.

Lotto 111 Volkswagen Maggiolino/Beetle – stima 20000-22000 euro

Nell’infinita gamma di Maggiolini, quelli che in assoluto valgono di più sono quelli costruiti dagli anni ’40 al 1965. La prima grande modifica avvenne nel 1953 quando fu introdotto un motore più grande di 1192 cc. I modelli di esportazione furono costruiti secondo specifiche più elevate, incorporando freni idraulici e ingranaggi sincronizzati, ma ancora nel 1962 la berlina standard veniva costruita con freni a cavo e cambio non sincronizzato! Quando la produzione europea cessò nel 1974, erano stati prodotti oltre 21.000.000 di Maggiolini. Questo bell’esemplare del 1965 sembra praticamente come nuovo. Offerto dal primo e unico proprietario da nuovo, il Maggiolino è fornito con tanta documentazione raccolta nel corso degli anni, incluso il TuV tedesco. Dotata di radio originale e del raro e ambito tetto apribile in metallo scorrevole, questo Maggiolino è una vera delizia per gli appassionati del genere.

Lotto 120 – BMW M6 – stima 30000-40000

La M635 CSI “Bayern-Express” ha debuttato nel 1984 e si basa sulla E24 che è arrivata sul mercato nel 1976. La M635 CSI è la versione high-end “sportiva” della BMW Serie 6. Questa elegante coupé disegnata dal capo designer Paul Bracq è una pietra miliare nella storia dell’automobile. Il motore M88 proveniva originariamente dalla M1 ed era dotato di due alberi a camme in testa. L’ABS già apparteneva alla dotazione standard e al posteriore era presente il differenziale autobloccante. Sicuramente può rivelarsi un’opportunità acquistare un’eccellente BMW M635 CSI (spesso denominata M6) in una accattivante combinazione di colori di diamante nero metallico, con interno grigio.

Lotto 121 – Mercedes G500 – stima 25000-30000 euro

Questo modello di Mercedes G500 proviene dal Giappone e ha all’attivo poco più di 80.000 miglia. Successivamente è stata importato nel Regno Unito nel 2016 dal precedente proprietario. L’auto è pluriaccessoriata e possiede il libretto di servizio e certificato di conformità UE. In particolare poi questo modello è stato rinnovato alla variante 2012-2018. Tra gli accessori presenti, l’aria condizionata, le luci e i tergicristalli automatici, i sedili riscaldati e il tetto apribile, per citarne alcuni. Dall’attuale proprietario sono stati spesi oltre £ 5000, incluso il cambio di olio per trasmissione nelle ultime 5000 miglia. La stima di 25000-30000 euro sembra senz’altro allineata per il tipo di fuoristrada lussuoso di cui si sta parlando.

Lotto 201 – Mercedes GD 250 Wolf – stima 25000-35000 euro

Le Mercedes Classe G non esistono solo in versione lussuosa, ma anche in spartana declinazione militare, che per certi versi è ancora più ambita del “SUV” da città. Questo bell’esemplare è stato originariamente consegnato all’esercito tedesco, e successivamente sottoposto a un completo restauro dal 2018. Ogni aspetto dell’auto dal telaio fino al tetto del tetto è stato rinnovato e ora questa vettura si presenta così come quando è uscita per la prima volta dalla fabbrica. Un fantastico veicolo che continua ad aumentare il suo seguito di cultori.

Lotto 205 – Mercedes SE 220 Cabriolet – stima 90000-110000

Questa fantastica decapottabile Mercedes qui offerta è stata consegnata nuova in Germania, prima di trovare la sua strada negli Stati Uniti negli anni settanta. Da quando è stato rimpatriata in Europa, questa Mercedes è stata ampiamente restaurata prima di entrare a far parte di una collezione con sede a Monaco. Come ci si aspetterebbe da un’auto di questa qualità, ha prestazioni impeccabili. Si tratta di auto classiche meravigliosamente eleganti, che vale la pena prendere in considerazione se così ben presentate, soprassedendo per un attimo sulle alte valutazioni.

Lotto 211 – Land Rover Defender 90 V8 – stima 28000-32000 euro

Originariamente dotata del motore 3.5 V8, questo esemplare di Land Rover Defender è ora ancora più ambito con il motore a iniezione V8 da 4 litri e 182 CV montato sull’edizione del 50° anniversario. Meccanicamente robusta e dotata di un nuovo set di ruote e pneumatici abbinati, questo è un veicolo per il tempo libero estremamente capace che va ovunque, che deve solo essere puntato in direzione delle montagne… poi lui si occuperà del resto! Da prendere seriamente in considerazione.

Lotto 229 – Borgward Isabella T5 Coupé – stima 28000-31000 euro

L’ingegnere/designer tedesco Carl Borgward passò dall’ingegneria generale alla produzione di camion a tre ruote con i modelli Blitzkarren e Goliath a metà degli anni ’20. Hansa-Lloyd fu rilevato dal gruppo Borgward nel 1931, ma fu solo nel 1939 che il nome Borgward apparve per la prima volta su un’automobile. La società riprese la produzione dopo la seconda guerra mondiale con la Lloyd LP300, una piccola berlina costruita inizialmente con carrozzeria in legno, e poi nel 1952 Borgward introdusse l’Hansa 1800. La Isabella arrivò nel 1954. Con il nome di “Hansa 1500” fino al 1957, Isabella (il suo nome in codice di fabbrica) vanta un corpo/telaio di costruzione moderno e dall’accattivante stile influenzato dagli stilemi americani. Questa originale Borgward Isabella del 1960 fu consegnato in Spagna, trovando poi la sua strada in Germania con il suo ultimo proprietario. Questa Isabella è dotata di servosterzo che migliora la guida. Rifinita in bianco e con un vasta documentazione, è una coupé affascinante ed elegante e uno spettacolo raro da vedere sulle strade di oggi.

Lotto 233 – Glas V8 Coupé – stima 50000-60000 euro

La Glas V8 è una coupé con motore V8 prodotta da Hans Glas GmbH a Dingolfing. L’auto fu presentata per la prima volta nel settembre del 1965 al Motor Show di Francoforte, dove divenne soprannominata la “Glaserati”. Questa versione offriva una potenza massima di 118 kW e riesce a superare 200 km/h. Questa Glas V8 dal basso chilometraggio ha beneficiato di vecchi lavori di ristrutturazione prima di essere messo in deposito per circa 30 anni verso la fine degli anni ’80. Ora presentata in buone condizioni originali e con recente attenzione, questa super GT degli anni ’60 è davvero una stradista. Una rara coupé sportiva di lusso che offre grande piacere di guida e alto potenziale come investimento.

Leggi anche




Più letti

Fiat Panda 4×4 prima serie: la...

La Panda 4x4 prima serie è un’utilitaria e una fuoristrada che sa fare molto bene il suo dovere, quello di arrampicarsi sui terreni più...

Immatricolazione auto storica… qualche consiglio per...

In un contesto che è sempre meno nazionale e più internazionale, può capitare facilmente ormai acquistare (o vendere) un'auto oltre confine. Ecco tutto quello...

Steyr Puch Haflinger: bisogna per forza...

Della storia del piccolo veicolo fuoristrada austriaco prodotto a Graz sono state scritte pagine e pagine, rintracciabili un po' su tutto il web. Ma...

Steyr Puch Pinzgauer: che bello acquistarne...

Lo Steyr Puch Pinzgauer, disponibile a 4 o a 6 ruote motrici, è senz'altro un veicolo storico dalle capacità fuoristrada estreme, anche grazie alla...

Technorama Ulm 2022: di interessante c’era…

Technorama Ulm è sempre una bella fiera da vedere, soprattutto per chi voglia mettere insieme un'auto in restauro o chi cerca qualcosa di nuovo...