HomeOpinione EspertoBringatrailer.com: Evviva le vecchie station wagon...

Bringatrailer.com: Evviva le vecchie station wagon…

Un segmento di mercato delle auto d’epoca che sta riscuotendo un certo successo è quello delle station wagon (famigliari) d’epoca. Per intendersi, come questa Opel Kadett Wagon del 1974.

Le famigliari d’epoca non solo sono spaziose, ma permettono di rivivere i magnifici anni ’70-’80, quando con auto di questo tipo si facevano pic-nic in campagna, viaggi in montagna col portasci e quando nel bagagliaio era presente il plaid da poggiare a terra o riscaldarsi con più efficacia.

Nella station wagon, allora (come oggi, ma in chiave diversa), trovava posto anche il cane o la tavola da surf sopra il tetto per rivivere momenti gloriosi come nel film “Un mercoledì da leoni”. Vediamo più in dettaglio la Opel giardinetta in asta in USA (ma che si può trovare anche qui in Europa con pazienza).

1974 Opel Kadett Wagon: prezzo senza riserva

Questa Opel Kadett del 1974 è una station wagon nell’attraente allestimento a due porte, rifinita in argento su tappezzeria nera e alimentata da un quattro cilindri in linea da 1,2 litri abbinato a un cambio manuale a quattro velocità.

L’equipaggiamento include ruote in acciaio da 13″ con coprimozzi cromati, freni a disco anteriori, paraurti cromati, paraspruzzi posteriori, finestrini a manovella manuale e il riscaldatore.

Il lavoro svolto in preparazione alla vendita include cambi di liquidi e sostituzione della batteria. Questa Kadett è offerta senza riserva dal venditore con un parasole, tappetini in gomma nera e un titolo del Texas.

L’auto presenta in particolare paraurti e specchietti cromati, finestrini laterali apribili, paraspruzzi posteriori con marchio Opel e unica uscita di scarico.

Tra le imperfezioni si notano la vernice screpolata, alcuni bozzi e ammaccature sui paraurti. Il rivenditore fa notare che il portellone posteriore è stato danneggiato durante il trasporto e che è stato successivamente riparato e rifinito.

I cerchi in acciaio da 13″ calzano coprimozzi cromati marchiati Opel e sono dotati di pneumatici Fulda Diadem Linero 155/80. La frenata è gestita da dischi anteriori e tamburi posteriori.

L’abitacolo è dotato di sedili rifiniti in nero, pannelli delle portiere e tappeti abbinati. Le superfici in lamiera sono rifinite in tinta con la carrozzeria e la dotazione include alzacristalli manuali, cinture di sicurezza anteriori a tre punti e riscaldamento.

Un volante a due razze incornicia un tachimetro da 180 km/h e altri indicatori ausiliari. Il contachilometri a cinque cifre indica 76.000 chilometri (~47.000 miglia), di cui meno di 500 sono stati aggiunti dal rivenditore.

Il quattro cilindri in linea da 1,2 litri con valvole in testa è accreditato di 59 CV che vengono indirizzati alle ruote posteriori attraverso un cambio manuale a quattro velocità.

Leggi anche




Più letti

Fiat Panda 4×4 prima serie: la...

La Panda 4x4 prima serie è un’utilitaria e una fuoristrada che sa fare molto bene il suo dovere, quello di arrampicarsi sui terreni più...

Immatricolazione auto storica… qualche consiglio per...

In un contesto che è sempre meno nazionale e più internazionale, può capitare facilmente ormai acquistare (o vendere) un'auto oltre confine. Ecco tutto quello...

Steyr Puch Haflinger: bisogna per forza...

Della storia del piccolo veicolo fuoristrada austriaco prodotto a Graz sono state scritte pagine e pagine, rintracciabili un po' su tutto il web. Ma...

Steyr Puch Pinzgauer: che bello acquistarne...

Lo Steyr Puch Pinzgauer, disponibile a 4 o a 6 ruote motrici, è senz'altro un veicolo storico dalle capacità fuoristrada estreme, anche grazie alla...

Technorama Ulm 2022: di interessante c’era…

Technorama Ulm è sempre una bella fiera da vedere, soprattutto per chi voglia mettere insieme un'auto in restauro o chi cerca qualcosa di nuovo...