HomeFiere e AsteAsteAste online Bringatrailer.com: ecco come si fanno 300000 verdoni con uno Chevrolet...

Aste online Bringatrailer.com: ecco come si fanno 300000 verdoni con uno Chevrolet K5 del ’72…

Per chi pensa che la crisi possa frenare il mercato delle “passioni”, forse sbaglia ancora una volta. Prendiamo questo Chevrolet K5 del ’72 personalizzato dai Ringbrothers. Nella serata tra il 24 e il 25 aprile ha raggiunto quota 300000 (trecentomila) dollari di offerta all’asta online Bringatrailer.com per essere poi venduto. Che i Ringbrothers stiano diventando una firma come Carroll Shelby? Se questi sono i presupposti, la risposa è scontata. Vediamo cos’ha di speciale questa fuoristrada anni ’70, dalla descrizione di Bringatrailer.com, e quindi come si fa a portarsi a casa 300000 verdoni… Sembra follia, ma alla fine converrete che li vale tutti!

La sua storia

Questa Chevrolet Blazer del 1972 è stata realizzata nel 2019 da Ringbrothers, un laboratorio pluripremiato specializzato in personalizzazioni, con carrozzeria in composito e accessori in alluminio lavorato. La carrozzeria originale è stata rimossa dal telaio e immersa nell’acido prima di essere modificata e rifinita in vernice nera. Il motore 350ci ZZ430 V8 presenta l’iniezione di carburante Holley Dominator ed è abbinato a una trasmissione automatica a quattro velocità Bowler Performance con riduttore. Il telaio è stato rinforzato e le sospensioni, i dischi anteriori e i tamburi posteriori sono stati sostituiti. L’abitacolo è stato rivitalizzato in vinile blu e tessuto pied de poule di Upholstery Unlimited, poi trovano posto un touchscreen Alpine, altoparlanti Kicker e un subwoofer.

La carrozzeria

In particolare la carrozzeria è stata staccata dal telaio e immersa nell’acido prima di essere rifinita in BASF Glasurit Waterborne Black (WA8555). Tra le altre caratteristiche, si notano una capote e un cofano in fibra di carbonio progettato da Ringbrothers con prese d’aria, passaruota e pannelli modificati per maggiore spazio. 

Il telaio

Il telaio è stato spogliato prima di essere inscatolato in diverse aree per conferire maggiore resistenza. Le sospensioni originali sono state sostituite con ammortizzatori Bilstein e barra antirollio anteriore dei Ringbrothers. L’assale anteriore presenta mozzi di bloccaggio e la frenata è gestita da dischi anteriori e tamburi posteriori Classic Performance aggiornati. Le ruote Circle Racing 17″ x 9,5″ montano pneumatici 325/65 BFGoodrich All-Terrain T/A KO2.

L’abitacolo

L’abitacolo è stato rinnovato con kit di Upholstery Unlimited ed è ora rifinita in vinile blu con inserti pied de poule su moquette blu. All’interno ci sono sedili anteriori ribaltabili e un sedile posteriore ricavato all’interno di un roll bar realizzato su misura. Il rivestimento è presente in tutto l’interno e un subwoofer Kicker Comp R è stato integrato nell’area di carico.

La plancia

Le maniglie e i componenti del cruscotto in alluminio sono state lavorate da Ringbrothers e assemblate insieme a uno stereo touchscreen Alpine integrato. Il cablaggio elettrico è stato sostituito con un kit di Painless Wiring e il climatizzatore Vintage Air fornisce fresca aria condizionata per la stagione più torrida.

Il cruscotto

Dietro al volante a quattro razze blu con clacson Chevrolet si trova la strumentazione della serie HDX digitale Dakota che include un tachimetro da 160 mph, un contagiri da 8000 rpm, un orologio analogico e indicatori ausiliari. Il contachilometri digitale mostra circa 450 miglia.

La meccanica

Il motore GM Performance ZZ430 350ci V8 è sormontato da un sistema di iniezione di carburante Holley Dominator. La potenza viene fornita alla parte posteriore o a tutte e quattro le ruote attraverso una trasmissione automatica 4L80E a quattro velocità Bowler Performance con riduttore. Il differenziale posteriore di fabbrica è stato ricostruito con ingranaggi Yukon 3.42: 1

Leggi anche




Più letti

Fiat Panda 4×4 prima serie: la...

La Panda 4x4 prima serie è un’utilitaria e una fuoristrada che sa fare molto bene il suo dovere, quello di arrampicarsi sui terreni più...

Immatricolazione auto storica… qualche consiglio per...

In un contesto che è sempre meno nazionale e più internazionale, può capitare facilmente ormai acquistare (o vendere) un'auto oltre confine. Ecco tutto quello...

Steyr Puch Haflinger: bisogna per forza...

Della storia del piccolo veicolo fuoristrada austriaco prodotto a Graz sono state scritte pagine e pagine, rintracciabili un po' su tutto il web. Ma...

Steyr Puch Pinzgauer: che bello acquistarne...

Lo Steyr Puch Pinzgauer, disponibile a 4 o a 6 ruote motrici, è senz'altro un veicolo storico dalle capacità fuoristrada estreme, anche grazie alla...

Technorama Ulm 2022: di interessante c’era…

Technorama Ulm è sempre una bella fiera da vedere, soprattutto per chi voglia mettere insieme un'auto in restauro o chi cerca qualcosa di nuovo...