HomeFiere e AsteAste32.000 euro (solo!) per una Ferrari, all'asta RM Sotheby's St. Moritz...

32.000 euro (solo!) per una Ferrari, all’asta RM Sotheby’s St. Moritz…

Noi lo consigliamo sempre: se siete appassionati di auto d’epoca o veicoli prestigiosi, anche se i prezzi di alcune auto possono sembrare irraggiungibili, sarebbe comunque sempre il caso di iscriversi all’asta per fare offerte, non si sa mai.

Questa Ferrari 360 Spider del 2003 da 400 CV con 25.000 km ne è la dimostrazione. La stima da catalogo alla recente asta di RM Sotheby’s di St. Moritz del 9 Settembre 2022 era di circa 70.000-90.000 euro, ovvero un po’ meno del suo valore di mercato. Ebbene, l’auto, una delle poche offerte senza prezzo di riserva, si è fermata ad appena 32.000 euro. In pratica il fortunato acquirente si è portato a casa una supercar a un prezzo super stracciato!

Qualche info in più per capire l’occasione…

Presentata al Salone di Ginevra del 1999, la Ferrari 360 Modena Tipo F131 AB M (manuale) o E (cambio al volante) ha sostituito l’affermata e molto amata F355 come due posti entry-level di Maranello. Il compito del team di progettazione era apparentemente semplice: produrre una macchina più veloce, più leggera e più spaziosa che fosse migliore in ogni modo rispetto al suo predecessore. Tale era la stima in cui era tenuta la F355, non era un compito da poco, eppure la 360 più che soddisfatta.

Come la sua antenata, la nuova vettura monta un V-8 a 90 gradi interamente in lega in posizione centrale, ma la capacità dell’unità a carter secco a cinque valvole è stata portata a 3586 cc. Un motore davvero sorprendente che sviluppa 400 cavalli a 8.500 giri/min, e in grado di fornire prestazioni sbalorditive. I test di fabbrica della Ferrari hanno registrato un’accelerazione da 0 a 100 km/h in soli 4,6 secondi, mentre la velocità massima supera 290 km/h. La rivista automobilistica britannica Autocar ha descritto la 360 come “la migliore auto sportiva del mondo”. Esposto in modo prominente sotto una copertura trasparente, il motore era abbinato a un cambio manuale tradizionale o, come nel caso dell’auto offerta, a un’unità del cambio al volante a sei marce. Nonostante lo sbalorditivo V-8 fosse, tuttavia, gran parte della genialità ingegneristica del 360 è rimasta nascosta alla vista.

La prima Ferrari di serie a vantare una leggera monoscocca in alluminio, la 360 era il 40% più rigida e il 28% più leggera della precedente F355, nonostante fosse circa il 10% più grande. Con 2.600 mm, il passo era 150 mm più lungo rispetto a prima, il che significa una migliore stabilità alle alte velocità, nonché maggiore spazio e comfort dell’abitacolo. Gli ammortizzatori attivi Sachs, Bosch 5.3 ASR e l’ultima tecnologia fly-by-wire, nel frattempo, sono stati tra i trucchi all’avanguardia che hanno ulteriormente contribuito a un’esperienza di guida elettrizzante.

Dopo la berlinetta, la 360 Spider scoperta è stata presentata nel 2000 con un’accoglienza altrettanto estatica. Caratterizzata da un tetto in tela completamente retrattile, questa ultima variante ha beneficiato di una struttura irrigidita per compensare la mancanza di un tetto in metallo, rendendole un design immensamente muscoloso. Nonostante ciò, la Spider pesava appena 60 chilogrammi in più della Modena.

L’esemplare uniproprietario offerto qui è rifinito nella classica e desiderabile combinazione di Rosso Corsa con una capote Nero e interni in pelle crema, completi di cerchi in lega argento da 18 pollici a cinque razze “Starfish”. L’auto ha goduto di regolare tagliando presso lo specialista del marchio Bayer Power, con l’ultimo francobollo, il 4 luglio 2019, che ha registrato un chilometraggio di 25.869 km. La 360 Spider viene offerta in vendita con un portfolio in pelle contenente alcuni manuali Ferrari con torcia di uso comune, oltre al telo copriauto, una cassetta degli attrezzi rivestita in pelle e un kit di gonfiaggio pneumatici di emergenza riposto nel bagagliaio anteriore.

https://rmsothebys.com/en/auctions/sm22/st–moritz/lots/r0022-2003-ferrari-360-spider/1280877

Leggi anche




Più letti

Fiat Panda 4×4 prima serie: la...

La Panda 4x4 prima serie è un’utilitaria e una fuoristrada che sa fare molto bene il suo dovere, quello di arrampicarsi sui terreni più...

Immatricolazione auto storica… qualche consiglio per...

In un contesto che è sempre meno nazionale e più internazionale, può capitare facilmente ormai acquistare (o vendere) un'auto oltre confine. Ecco tutto quello...

Steyr Puch Haflinger: bisogna per forza...

Della storia del piccolo veicolo fuoristrada austriaco prodotto a Graz sono state scritte pagine e pagine, rintracciabili un po' su tutto il web. Ma...

Fiere internazionali auto d’epoca 2022: gli...

Anche il 2021 sta per volgere al termine. Signori, il 2021... Nel bel mezzo dell'inizio di un millennio in cui si credeva che le...

Volkswagen Maggiolino e derivati, mon amour

Le Volkswagen Maggiolino, naturalmente quelle non troppo in stato di rottame, continuano a segnare risultati di vendita sempre importanti. Perché piacciono, soprattutto in stato...